Coelum Astronomia 209 - 2017 - Page 154

Attesissima dagli appassionati, arriva la 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak, una cometa periodica di corto periodo che ripassa dalle nostre parti ogni cinque anni e mezzo circa.

Fu scoperta nel 1858 dall’astronomo statunitense Horace Parnell Tuttle e poi perduta fino al 1907, quando venne “riscoperta” dal francese Michel Giacobini. Nuovamente perduta fu poi osservata nel passaggio del 1951 dallo slovacco Lubor Kresák. Da qui gli insoliti tre nomi.

Passerà al perielio il 13 aprile transitando a poco più di 1 UA dal Sole. In quel momento disterà circa 22 milioni di chilometri dalla Terra. Fortunatamente le condizioni prospettiche per una volta ci sono favorevoli, permettendoci di osservarla nelle migliori condizioni. Ma già in marzo dovrebbe risultare un oggetto notevole, soprattutto verso la fine mese, quando sarà vicina alla massima luminosità che gli esperti indicano in una buona sesta magnitudine, forse qualcosa in meno. In quest’ultimo caso potrebbe, seppur al limite, risultare visibile a occhio nudo.

I “vecchi del mestiere” ricordano tre notevoli outburst della 41P, verificatisi nel 1973, che fanno sperare, o forse meglio dire sognare, in qualcosa di ancora migliore e assolutamente imprevedibile. Male che vada, dopo gli stenti dell’annata 2016, un astro chiomato di quinta o sesta magnitudine sarà comunque straordinario.

comincerà il calo, che a fine mese l’avrà probabilmente ridotta a un oggettino di nona-decima magnitudine. La sua velocissima corsa mensile avrà inizio dalla costellazione dell’Aquila per terminare nel Leone dopo oltre 130° di spostamento attraverso ben 9 costellazioni!

2P/Encke

La 2P/Encke è una celebre cometa periodica, con un periodo orbitale di poco superiore ai tre anni. Fu scoperta da Pierre Méchain, noto collaboratore di Charles Messier nella compilazione del più

Ladies & gentlemen

la 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak!

COMETE

di Claudio Pra

154

Coelum Astronomia

Sotto. La mappa mostra il percorso seguito dalla cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak nel periodo compreso tra il 25 febbraio e i primi giorni di aprile. Si nota il lungo tragitto percorso che porterà la bell’astro chiomato a viaggiare attraverso numerose costellazioni. (L’aspetto del cielo si riferisce alle ore 22:00 per una località posta alle coordinate 42° N 12° E).