Coelum Astronomia 209 - 2017 - Page 116

Durante il mese di marzo, alle 22:00, nel cielo di Oriente si presentano molte stelle di prima grandezza. Iniziano infatti a innalzarsi dall’orizzonte la Vergine e il Boote o Bifolco che fanno corona alla grande costellazione del Leone, ormai già molto alta nel cielo. Di conseguenza potremo comodamente ammirare le loro stelle alfa, le splendenti Spica, Arturo e Regolo, rispettivamente.

La ricerca delle costellazioni nel cielo comincia agevolmente con l’identificazione della rossa Arturo (mag. +0,15), a circa 30 gradi sull’orizzonte e quindi ben visibile nel cielo d’Oriente. Si tratta di una stella “ospite”: attualmente si trova a poco più di 30 anni luce dalla Terra, proprio nei nostri paraggi galattici, ma nei prossimi milioni di anni uscirà dal piano della galassia, dove si trova il nostro Sole insieme alle miliardi di giovani stelle del disco, per giungere negli spazi extragalattici. È la stella più luminosa del Bifolco, una curiosa costellazione a forma di aquilone. La luce di Arturo è così intensa e il suo colore arancio così netto che non c’è possibilità di confusione. Se prolunghiamo l’allineamento della base del Leone, da Regolo (mag. +1,35) verso Denebola (mag. +2,1), la stella beta del Leone, troveremo la nostra Arturo (e tra il Bifolco e il Leone le deboli stelle della Chioma di Berenice, regione di stelle che un piccolo binocolo ci rivelerà ricchissimo di astri: si tratta di un giovane ammasso stellare).

Possiamo trovare Arturo anche facendo riferimento alla coda dell’Orsa Maggiore, alta e più a nord. Prolungando l’arco del “timone” del Carro giungeremo immancabilmente alla bella Arturo.

116

Coelum Astronomia

Uno Sguardo al Cielo di Marzo

Impariamo a osservare il cielo con la UAI - Unione Astrofili Italiani

di Giorgio Bianciardi - Vicepresidente UAI

Guardando a Est

Emisfero Est

Visualizza la Mappa del Cielo dell'Emisfero Est

I Telescopi Remoti ASTRA e il Telescopio remoto UAI

Utilizzando Internet non ci sono limiti

geografici e chiunque, da qualsiasi parte del mondo, può controllare in remoto i telescopi ASTRA e ottenere le immagini digitali da utilizzare per i propri scopi di ricerca o di semplice diletto. Accesso gratuito. Per maggiori informazioni visita il sito WEB del Telescopio Remoto UAI (http://www.uai.it/risorse/telescopio-remoto-new.html), naviga nel sito di ASTRA con il quale potrai navigare tra stelle e galassie con i telescopi remoti (dopo aver richiesto la pw gratuita): www.astratelescope.org

e iscriviti al gruppo Facebook:

https://www.facebook.com/groups/127716650039/.

Il primo lunedì del mese non dimenticate il

viaggio nel cielo di una costellazione con i

telescopi remoti ASTRA, guidato da Giorgio

Bianciardi, vicepresidente UAI. Collegarsi al

portale di AstronomiAmo di Stefano

Capretti: www.astronomiamo.it. Dalle 21:30

alle 22:30.